I disordini dell‘ identitá del corpo

Alcune persone possono provare la sensazione che parti del proprio corpo siano estranee o non facciano parte di sé. Questo fenomeno è parte dei disordini dell‘identitá del corpo (dall’inglese body identity integrity disorders – BIID). Il risultato è una notevole differenza tra l’immagine „mentale“ che si ha del proprio corpo (detta anche rappresentazione del corpo) e l’immagine reale, „fisica“.

La forte pressione psicologica che deriva da quest’incongruenza si manifesta concretamente nel desiderio di voler eliminare le parti “superflue” dall’immagine del proprio corpo. In altre parole, le persone che soffrono di BIID sperano di ottenere la sensazione di congruitá tra l’immagine mentale e l’identitá fisica del corpo attraverso l’amputazione o la paralisi della parte che sembra estranea o scorretta, riducendo cosí la pressione psicologica in maniera considerevole.

Non si puó esprimere in modo oggettivo la pressione psicologica che deriva dal BIID, peró, per avere un’idea, basti considerare che le persone che ne soffrono dicono spesso di pensare quotidianamente all’immagine non congruente del proprio corpo, il che occupa molto tempo e molta energia. Questo impiego di energie fa si che le altre attività quotidiane ne risentano. Inoltre, le parti del corpo che sono oggetto del desiderio di amputazione o paralisi non vengono utilizzate, oppure lo sono solo controvoglia ed i movimenti sembrano strani o sbagliati.

Infine, la pressione psicologica viene rafforzata dalla vergogna che è connessa a tali sensazioni sul proprio corpo. Le persone affette da BIID non osano confidarsi alle persone vicine a loro.

La causa

La causa di questa condizione, che viene anche chiamata Body Integrity Identity Disorder (BIID) oppure Xenomelia, non è ancora conosciuta.

Esistono alcuni risultati derivanti da ricerche sperimentali che ipotizzano spiegazioni a livello neurologico-cerebrale o psicologico. Tuttavia, per ottenere un’idea più concreta sull’origine di questa condizione è necessario proseguire con le ricerche scientifiche. Vedere anche la sezione RICERCA.

<